Informativa

Cos’è la laser terapia

Cos’è la laser terapia

Il dermatologo è lo specialista a cui devi rivolgerti per affrontare tutte le patologie che interessano la pelle. È quindi un medico che ha una grossa competenza e che si avvale al giorno d’oggi di strumentazioni moderne e tecnologicamente avanzate per intervenire in modo efficace e affrontare diverse problematiche.

L’uso del laser

Il laser, il cui acronimo inglese tradotto in italiano vuol dire amplificazione di luce mediante emissione stimolata di radiazione, è solo una delle tante strumentazioni che questo specialista utilizza per gestire una vasta gamma di criticità. Negli ultimi anni tuttavia, il laser si è rivelato molto utile per curare diverse patologie e quindi il suo impiego è sempre più frequente . Gli apparecchi moderni sono infatti sempre più sofisticati e sono stati fatti enormi passi in avanti da quando nel 1961 il dottor Leon Goldman ha usato per la prima volta il laser in dermatologia aprendo di fatto la strada alle scoperte tecnologiche e terapeutiche che sono state fatte in tempi più recenti.

Il laser e la cura della pelle

In dermatologia il laser viene usato in diversi trattamenti tra i quali segnaliamo

  • lesioni cheratosiche
  • angiomi di piccola dimensione,
  • condilomi,
  • cicatrici da acne
  • vene varicose
  • asportazione di nevo
  • asportazione tumori cutanei
  • verruche
  • smagliature
  • ringiovanimento cutaneo

La larga applicazione di questa tecnologia trova la sua origine nel fatto che essa può intervenire anche per trattamenti chirurgici, offrendo numerosi vantaggi rispetto ai tradizionali bisturi. Il laser infatti riduce il sanguinamento e può rendere molto più rapida la cicatrizzazione della ferita. Questo tuttavia non può sostituire la chirurgia eseguita con il bisturi, ma è una modalità operativa che può solo affiancarla in caso di esigenze specifiche.

La laser terapia

Con il laser si possono fare due diversi tipi di terapie e questo ti consentirà di avere sempre una soluzione appropriata al tuo problema.

  • La laser terapia a scansione che permette di trattare zone molto vaste, per cui lo specialista imposta l’area dove agire e l’applicazione può essere effettuata senza la presenza dell’operatore. Le patologie che possono essere curate sono di diversa natura e tra queste possiamo segnalare le artriti, le borsiti, la cervico-artrosi o le contratture, mentre in dermatologia questo laser viene utilizzato per l’epilazione.
  • La laser terapia a contatto che agisce solo su singoli punti in modo molto circoscritto e la presenza di un dermatologo competente è fondamentale per gestire in modo professionale l’intervento. In dermatologia questo tipo di laser trova larga applicazione e possiamo certamente segnalare le cicatrici, le verruche o le vene varicose.

I tipi di laser più utilizzati

Non tutti i laser sono uguali ed infatti il laser per l’epilazione ad esempio non può essere utilizzato per la rimozione degli angiomi o delle macchie solari. Il Laser CO2 frazionato e il Laser q-Switched sono tra le tecnologie più utilizzate in dermatologia e hanno quindi diverse applicazioni per cui spesso il medico interviene servendosi di questi strumenti.

  • Il laser CO2 frazionato: Questo tipo di tecnologia permette di trattare un unico punto poiché il fascio luminoso colpisce solo ciò che richiede un intervento toccando l’epidermide e il derma in modo molto selettivo. Il tessuto circostante non viene interessato dal trattamento pertanto questo laser consente una guarigione molto veloce e riduce i rischi di infezioni. Il laser frazionato ablativo colpisce l’epidermide lasciando inalterati gli strati sottostanti, mentre quello non ablativointerviene sul derma. Sarà il dermatologo a consigliarti la tecnologia giusta per il tuo specifico problema.
  • Il laser q-Switched: Questo tipo di tecnologia emette onde brevi ad energia elevatissima ed è principalmente usato per la rimozione dei tatuaggi.

I trattamenti possibili con il laser

Con il laser puoi affrontare anche problemi di natura estetica.

  • La depilazione permanente: se vuoi risolvere in modo definitivo il problema dei peli superflui il dermatologo può rimuoverli con il laser. Lo scopo del trattamento è quello di intervenire solo sul bulbo pilifero e non sui tessuti circostanti. Questo sistema è sempre più utilizzato perché offre ottimi risultati. Non è sufficiente una sola applicazione, ma sono necessari più interventi. I peli infatti presentano caratteristiche e resistenze diverse, pertanto il dermatologo valuterà il caso specifico e potrà poi stabilire il numero di sedute necessarie.
  • Gli inestetismi della pelle: se hai cicatrici, efelidi, macchie, puoi intervenire e rimuoverli grazie al laser. Anche in questo caso quindi, lo specialista deve fare una valutazione accurata delle condizioni del paziente prima di individuare la soluzione più opportuna. In molti si rivolgono al dermatologo per rimuovere i tatuaggi. Il laser ha il vantaggio di agire rompendo solo i pigmenti colorati senza lasciare segni sulla pelle ed è pertanto la soluzione ideale per cancellare tatuaggi amatoriali o professionali. Il trattamento prevede delle differenze molto rilevanti che sono determinate dalla quantità e dalla qualità del colore utilizzato. Ci sono infatti colori molto resistenti che richiedono più sedute terapiche.
  • I nei, gli angiomi e la cheratosi che è un’alterazione dell’epidermide per un ispessimento del tessuto: se il tuo problema è dato da questi inestetismi è opportuno procedere per gradi facendo innanzitutto una visita dermatologica specifica che garantisca un intervento appropriato. Il laser può infatti eliminare tutti queste imperfezioni agendo solo sulla parte interessata. Ancora una volta la professionalità del dermatologo e la sua esperienza sono una garanzia nell’affrontare problematiche di salute molto delicate. Lo specialista infatti deve valutare la necessità e il tipo di intervento appropriato. L’attenzione per il proprio corpo è un requisito indispensabile per la prevenzione, pertanto è necessario rivolgersi al dermatologo periodicamente e non trascurare mai la propria pelle anche attraverso la mappatura dei nei. Questa consiste in un controllo costante delle lesioni pigmentate che sono presenti sul corpo e quindi di intervenire tempestivamente in caso di melanoma.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *