Maria Luisa Pozzi - MioDottore.it

Informativa

Melasma: di cosa si tratta?

Melasma: di cosa si tratta?

MELASMA, UN PROBLEMA ANTIESTETICO DA RISOLVERE IN FRETTA

Non sottovalutare il melasma

Il melasma, conosciuto anche con il termine cloasma, è un problema della pelle che colpisce il viso, presenta una iperpigmentazione locale presentando macchie di colore marrone chiaro o scuro. In percentuale colpisce di più le donne rispetto agli uomini, con più frequenza durante la gravidanza e nella fascia d’età tra i trenta e i quarant’anni.

E’ una alterazione della pelle a livello cromatico che rispecchia il fototipo di quest’ultima, il tipo 3 presenta macchie più scure ed visibili, il 2 invece si notano di meno in quanto sono più chiare e sfumate.

In estate la patologia diventa più evidente in quanto la zona colpita, se esposta al sole, tende ad abbronzarsi maggiormente in concomitanza con le macchie.

Questa patologia presenta una produzione eccessiva di melanina. La melanina è un pigmento che protegge la nostra pelle dai raggi del sole che contenendo i raggi ultravioletti rischiano di danneggiare il DNA. La proteina è quindi una nostra alleata che ci protegge da condizioni di rischio però nel momento in cui viene prodotta in quantità eccessive si creano macchie marroni sulla cute.

A seguire analizzeremo cause e sintomi ed eventuali rimedi, tenendo presente che è importante rivolgersi ad uno studio dermatologico per risolvere la situazione, solo un esperto è in grado di fornire una cura adeguata e personalizzata.

Cause e sintomi: Ormoni, stress o ereditarietà?

Il melasma è facilmente riconoscibile in quanto compaiono antiestetiche macchie scure sul viso, principalmente su guance, naso, tempie e fronte bilateralmente, non di rado si sviluppano anche su collo, braccia e bocca.

All’esordio della condizione le chiazze possono essere di piccole dimensioni, con il tempo tendono ad aumentare di diametro. Sono diverse dai nei in diversi aspetti, le macchie si presentano piatte non sollevate.

Per essere sicuri della diagnosi è di fondamentale importanza recarsi presso uno studio dermatologico nel quale un esperto osserva la morfologia delle macchie e la loro pigmentazione. Raramente occorre prelevare un piccolo campione di pelle da analizzare per avere la conferma della patologia. Non c’è da preoccuparsi, il prelievo è rapido e non necessita di anestesia locale.

Il melasma è anche conosciuto con la dicitura maschera della gravidanza, infatti una delle cause di questa patologia è proprio lo stato interessante.

Anche l’assunzione di contraccettivi orali potrebbe causare la patologia, la pillola contraccettiva infatti contiene un elevato numero di estrogeni che concorrono a manifestare l’inestetismo sul viso.

L’ereditarietà sembrerebbe sia un altro fattore di causa del melasma, chi ha famigliari che in passato hanno sofferto di questo disturbo sono più propensi a svilupparlo a loro volta.

Spesso le macchie compaiono anche per eccessiva esposizione al sole o allergia a cosmetici per il viso, profumi o crema solare.

Infine lo stress psicofisico può causare il melasma, trovarne le cause ed eliminarle è difficile se non impossibile anzi la comparsa delle macchie potrebbe causare ulteriore stress alla donna.

Come si cura

Come già accennato la migliore cura è affidarsi ad un professionista. E’ meglio evitare di utilizzare creme fai da te o rimedi che si trovano in farmacia rischiando di peggiorare la situazione.
La pelle del viso è troppo importate per sottovalutare la condizione presente e recarle danni antiestetici magari irreversibili.

Un dermatologo esperto saprà valutare se si tratta effettivamente di melasma, quale tipo è presente sulla pelle e come curarlo.

Ne sono state individuate tre tipologie: 1. epidermico, causato dall’aumento di melanina nello strato basale; 2. dermico, la melanina è presente nei macrofagi (cellule che svolgono un ruolo importante nella risposta immunitaria del corpo); 3. Misto.

E’ importante capire quale dei tre tipi è presente per curarlo in modalità appropriata, infatti il melasma epidermico e misto sono curabili con l’utilizzo di idrochinone.

L’idrochinone è un principio attivo che viene utilizzato per ridurre l’iperpigmentazione cutanea, elimina la melanina dai melanociti e ne previene la formazione. Il dermatologo valuterà i tempi di applicazione che sono solitamente molto lunghi, variano dai tre ai quattro mesi.

Si può anche optare per un peeling chimico superficiale o ad un trattamento a laser dermatologico, sono metodi molto utilizzati per migliorare la salute della pelle. Entrambi sono sicuri.

E’ di fondamentale importanza utilizzare creme solari protettive nel momento in cui ci si espone ai raggi solari in estate, il rischio è il peggioramento della situazione stimolando ulteriore produzione di melanina e ricordarsi sempre che le fasce orarie meno rischiose sono al mattino fino alle undici e al pomeriggio dopo le sedici.

Il melasma è una condizione da non sottovalutare, intervenire tempestivamente riduce il rischio che non si riesca a curare in tempi brevi.

L’inestetismo creato dalla condizione potrebbe minare l’autostima della donna che lo presenta quindi agire subito è l’unica soluzione per non riportare anche danni psicologici.

Il dermatologo è una figura professionale di riferimento per la cura delle malattie della pelle, rivolgersi ad uno studio professionale è la soluzione migliore per salvaguardare la propria persona.

Condividi questo post