Maria Luisa Pozzi - MioDottore.it

Informativa

Quali sono i fattori di rischio delle Adiposità localizzate? Previeni l’accumulo di lipidi

Quali sono i fattori di rischio delle Adiposità localizzate? Previeni l’accumulo di lipidi

Con il termine adiposità localizzate si intende un accumulo di grasso corporeo presente in una determinata area. Gli accumuli possono essere di varia intensità ed i più comuni generalmente compaiono su pancia, fianchi e cosce.

Come si formano le adiposità localizzate

Le adiposità localizzate derivano da un’anomala distribuzione del grasso sul corpo, spingendo le cellule adipose ad accumularsi in punti specifici del corpo senza venire naturalmente smaltite e finendo a formare i cosiddetti “cuscinetti di grasso” responsabili di inestetismi e, talvolta, rischiosi per la salute. Molto spesso derivano da un malfunzionamento dei tessuti adiposi e connettivi. Normalmente, le cellule adipose servono come “magazzino di energia” per dare all’organismo l’energia necessaria quando si brucia più del necessario fabbisogno. L’accumulo adiposo si verifica quando il grasso assimilato è molto più di quello necessario per alimentare l’organismo a livello energetico. Il grasso che non viene bruciato come energia finisce per accumularsi e si compatta infiammando il plasma e bloccando l’ossigenazione dei tessuti. Nel tessuto adiposo, però, sono contenuti anche gli adipociti, elementi fondamentali nella sintetizzazione di ormoni e sostanze necessarie al corretto funzionamento dell’organismo. Il grasso, quindi, non deve mai essere eliminato completamente ma comunque è importante regolare la quantità di quello presente per evitare gli accumuli e per prevenire conseguenze anche gravi sulla salute.

I fattori di rischio e le cause delle adiposità localizzate

Le adiposità localizzate possono dipendere da diversi fattori come l’età, il sesso e persino componenti genetiche ed ereditarie, oltre che da disfunzioni ormonali e dallo stile di vita. Gli uomini tendono ad avere accumuli adiposi “a mela”, ossia prevalentemente sulla pancia e sull’addome, sul viso e sulle spalle. Queste adiposità possono portare a ipertensione, glicemia ed alti livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue. Nelle donne, invece, l’adipe tende ad accumularsi “a pera”, cioè prevalentemente su fianchi e cosce anche se in alcuni casi interessa anche la parte bassa dell’addome e i glutei.

Le principali cause di questi accumuli sono legate all’età, perché dopo i 40 anni le donne diminuiscono la produzione di estrogeni, mentre gli uomini quella del testosterone. Questo deficit provoca insulino-resistenza e facilita l’accumulo di grassi. In altri casi può essere presente una predisposizione fisico-genetica che porta ad avere adiposità localizzate in determinati punti a causa di familiarità. Scarsa attività fisica, stile alimentare non equilibrato, scarsa idratazione corporea sono altri elementi che possono influenzare pesantemente la comparsa di accumuli di adipe. Anche stress e ansia possono avere un impatto negativo sull’organismo, in quanto si tratta di condizioni che aumentano la produzione di cortisolo, una sostanza che favorisce l’accumulo di grasso, soprattutto a livello addominale. Infine, un’altra causa di adipe accumulato può essere determinata da disfunzioni metaboliche che possono essere anch’esse ereditarie.

Come intervenire sulle adiposità localizzate

Le adiposità localizzate possono essere trattate con massaggi appositi per favorire lo scioglimento del grasso accumulato, affiancando ad essi un percorso sportivo e una dieta equilibrata per facilitare la diminuzione dei cuscinetti. I massaggi sono utili per migliorare la circolazione e l’ossigenazione dei tessuti, drenare i liquidi in eccesso e migliorare l’umore riducendo lo stress. Attività fisica e dieta sono altri due alleati fondamentali per intervenire sul grasso in eccesso. Per lo sport è importante rivolgersi a professionisti del settore, così come per quanto riguarda il regime alimentare è assolutamente sconsigliato il fai da te perché è necessario formulare una dieta personalizzata elaborata da un medico o un nutrizionista. Per quanto riguarda l’alimentazione, comunque, esistono dei consigli utili da seguire a prescindere da un’eventuale dieta dimagrante. Vanno eliminati cibi grassi, bevande alcoliche e zuccherate ed alimenti ricchi di zuccheri e si deve bere molto per favorire il drenaggio dei liquidi in eccesso e purificare l’organismo dalle tossine.

Prevenire è meglio che curare

Prima di correre ai ripari, l’ideale sarebbe prevenire la comparsa di adiposità localizzate. Evitare comportamenti dannosi ed alimenti “pericolosi” e seguire uno stile di vita attivo e non sedentario sono i primi importantissimi passi per limitare l’arrivo degli accumuli di grasso. Se sono presenti predisposizioni genetiche o problematiche ormonali, diventa praticamente necessario seguire un regime alimentare sano e praticare regolarmente attività fisica, scegliendo percorsi su misura personalizzati per rispondere alle diverse esigenze ed ottenere i migliori risultati possibili, affrontando il tutto con pazienza e costanza. Massaggiare la pelle con movimenti circolari e creme può aiutare a migliorare la circolazione e limitare la comparsa delle adiposità localizzate.

Il grasso viscerale (quello a livello addominale e sul punto vita), in particolare, deve essere evitato perché può portare all’insorgere di patologie gravi come il diabete alimentare oppure malattie cardiovascolari.

Condividi questo post