Maria Luisa Pozzi - MioDottore.it

Informativa

Microneedling: cos’è e a cosa serve?

Microneedling: cos’è e a cosa serve?

Microneedling: in cosa consiste?

Il microneedling, che in italiano si traduce in “micro perforazione”, è una tecnica dermatologica volta al ringiovanimento, basato sulla ripetuta foratura della pelle con dei microaghi.
Questo innovativo trattamento è volto a favorire il rinnovamento cutaneo, avendo come obiettivo quello di generare un nuovo collagene; utilizzato prevalentemente sul viso, aiuta al miglioramento dei tratti della pelle che sono compromessi da rughe, smagliature e pori dilatati.

Il microneedling, dunque, agisce tramite una serie infinita di piccole perforazioni nell’epidermide; la pelle reagisce a queste lesioni generando nuovo collagene e favorendo, di conseguenza, un accelerato rinnovamento delle cellule, migliorando lo spessore e la tonicità della pelle.

Già dal primo trattamento, infatti, è possibile vedere ottimi risultati, in quanto la pelle torna ad essere più elastica e luminosa.
Il microneedling si è dunque affermato sempre di più nel panorama dei trattamenti estetici perché la sua applicazione è poco invasiva e non stravolge la pelle ma, anzi, la stimola a rinnovarsi delicatamente e senza provocare danni.

Come funziona il microneedling

La tecnica del microneedling si avvale di uno strumento apposito, la cui testina è dotata di aghi regolabili, da 0,1 mm fino a 2,5 mm.

Il trattamento inizia con l’applicazione di una crema anestetica che viene fatta agire per circa 20 minuti; a seconda della zona su cui si deve agire, si regola la lunghezza degli aghi, andando poi ad effettuare delle piccole perforazioni che favoriscono l’introduzione di attivi in profondità. Una volta terminata la procedura, l’area interessata al trattamento viene tamponata con una garza sterile, al fine di eliminare le tracce di sangue e poi, infine, viene applicata una crema o gel di acido ialuronico, con proprietà cicatrizzanti.

All’inizio il viso appare lievemente arrossato ed è consigliabile evitare per almeno due giorni l’applicazione di make-up e, per almeno due settimane, l’esposizione ai raggi solari.
Questa seduta ambulatoriale del trattamento dona maggiori benefici se ad essa viene associato il trattamento con mirconeedling cosmetico domiciliare, praticabile anche tutti i giorni.

Con il dermaroller, infatti, è possibile praticare un trattamento fai da te simile al microneedling, ma bisogna fare attenzione; la pratica della micro perforazione deve essere necessariamente eseguita da uno specialista e non può essere in nessun modo eseguita da soli. Con il dermaroller, infatti, si applica semplicemente una sorta di “mantenimento” degli effetti benefici del microneedling ma anche in questo caso ci sono degli avvertimenti specifici da seguire. Innanzitutto il dermaroller che si acquista non deve mai avere aghi che superino il millimetro di lunghezza e in più devono essere sterilizzati e disinfettati con cura sia prima che dopo l’utilizzo.

La procedura ideale è quella di dividere il viso in quattro: fronte, guance, mento e collo; bisognerà poi effettuare leggeri movimenti verticali e orizzontali ed evitare che l’applicazione duri più di due minuti per zona. Generalmente è consigliato non farlo più di due volte alla settimana, evitando che la pelle si stressi troppo anche perché, se i forellini cominciano a sanguinare, è segno che si è abusato troppo di questo strumento.

Vantaggi e controindicazioni del microneedling

Il microneedling ha il particolare vantaggio di essere un avanzato metodo anti-age che riduce i sintomi e i danni della pelle provocati dall’invecchiamento, ma non solo. Grazie a questa tecnica si sono registrati netti miglioramenti anche nella eliminazione o diminuzione di ustioni o di acne, nella riduzione della comparsa di smagliature, nel maggiore assorbimento di acido ialuronico e, in alcuni e rari casi, è adoperato anche per contrastare e migliorare gli effetti della vitiligine e del melasma.

Come ogni trattamento estetico, anche il microneedling non è esente da controindicazioni; è infatti sconsigliato effettuare queste sedute nel caso ci sia una gravidanza in atto, in una fase attiva dell’acne o nel caso si abbiano malattie della pelle, come psoriasi o eczema.

Il microneedling è sconsigliato anche nei casi in cui si contragga herpes labiale o se si abbia fatto di recente una radioterapia.
Tra i sintomi collaterali più comuni c’è la possibilità di contrarre forme lievi di eritemi o desquamazioni, ma facilmente superabili in due o tre giorni.

Condividi questo post