Maria Luisa Pozzi - MioDottore.it

Informativa

Psoriasi: riconoscerla e trattarla

Psoriasi: riconoscerla e trattarla

Cos’è la psoriasi? Conosciamola meglio!

Per esperienza personale o per sentito dire, sicuramente ti sarà capitato di imbatterti nella parola “psoriasi”.

Per psoriasi s’intende una malattia della pelle di tipo infiammatorio, tipicamente cronica e recidiva che si manifesta attraverso macchie eritematose ricoperte da squame biancastre.

Le zone del corpo più colpite da questa problematica sono le ginocchia, i gomiti, cuoio capelluto e zona lombare della schiena, ma anche il resto del corpo può essere coinvolto dalla malattia.

I sintomi della psoriasi sono: placche e papule, eritema, desquamazione, forte sensazione di prurito, bruciore e tensione sulla parte colpita.

Solitamente i sintomi tendono a regredire d’estate ed accentuarsi nel periodo invernale.
Essendo una malattia che visivamente può creare un certo impatto, è bene sottolineare che la psoriasi non è assolutamente trasmissibile attraverso il contatto.

Pertanto toccare una persona affetta da questa malattia della pelle, non comporta alcun rischio di contagio.

Cause della psoriasi

La psoriasi che rientra nella macro-categoria delle dermatiti nasce dalla concausa di diversi fattori predisponenti.

Determinare quale fattore sia più influente rispetto all’altro, è quasi impossibile.
Nella maggior parte dei casi sono la genetica e lo stress ad essere le cause principali.

Sembrerebbe che la presenza di geni difettosi, renda i soggetti predisposti alla psoriasi, i quali sovente, manifestano un’alterata attività del sistema immunitario.

Se facciamo riferimento allo stress invece, dobbiamo indicare che fumo, abuso di farmaci, alimenti e alcool sono tra i fattori più scatenanti di questa malattia.

Esistono anche dei fattori scatenanti che inducono l’insorgere della malattia nei soggetti semplicemente predisposti, questi sono: ferite collegate a interventi chirurgici, traumi, stress psico-fisico, assunzione di particolari farmaci, scottature solari, infezioni da streptococco e virus della famiglia degli herpes.

Tra le fasce di età più colpite troviamo gli under 15 (minoranza), le persone comprese tra i 20 e i 30 anni e quelle tra i 50 e i 60 anni.
Per quanto riguarda i bambini invece, è raro veder sorgere su di loro problematiche legate alla psoriasi.

Come rimediare alla psoriasi

Nel parlare dei possibili rimedi per la psoriasi, dobbiamo indicare il fatto che sono presenti numerose forme cliniche di questa malattia del derma.

Ogni forma clinica ha bisogno di trattamenti diversi che variano da persona a persona, non esiste quindi un unico rimedio o trattamento di contenimento.
Solo un corretto esame diagnostico potrà portare ad un protocollo terapeutico corretto.

Consapevoli di quanto appena anticipato, possiamo dire che sono veramente rari i casi in cui un malato di psoriasi, riesce a guarire dal 100% e altrettanto rari quelli in cui riesce a guarire in maniera spontanea.

Esistono tuttavia diverse strade da intraprendere dal punto di vista dei trattamenti contenitivi, molti dei quali permettono di gestire la malattia, limitando l’intensità dei disagi che provoca alla persona.

Tra le strade curative più scelte troviamo: rimedi topici, rimedi orali tradizionali, terapie biologiche e con raggi ultravioletti.

Condividi questo post