Informativa

Solchi Naso-Labiali: trattarli con il filler

Solchi Naso-Labiali: trattarli con il filler

Rughe e solchi naso-labiali: di cosa si tratta?


L’avanzare dell’età comporta necessariamente alcuni cambiamenti superficiali e profondi che interessano la pelle e sono visibili anche dall’esterno. Questo accade poiché i radicali liberi unitamente ad altri elementi favoriscono l’invecchiamento cellulare e dunque la perdita di tono, elasticità, turgore e idratazione.

I tessuti, infatti, sono composti da elementi quali acido ialuronico, collagene ed elastina, essenziali per il loro sostegno e la rigenerazione cellulare. Quando questi sono presenti nelle giuste quantità permettono alla pelle di apparire piena e rimpolpata.


Come accennato, l’invecchiamento comporta una sensibile diminuzione nella produzione di tali elementi. Ne consegue che la pelle del volto appare spenta e svuotata. Non solo, alcune aree specifiche, presentano solchi e linee di espressione evidenti e questo avviene per via di un cedimento dei tessuti. Tra le zone del viso maggiormente coinvolte vi è l’area tra la base del naso e le labbra (in gergo professionale definita naso-labiale) poiché notevolmente coinvolta nei movimenti muscolari del volto.

Ogni sezione del viso presenta un grado di mobilità più o meno elevato che ne determina la perdita di tono e il cedimento. Proprio quella che interessa la parte inferiore dell’ovale, è interessata da centinaia di migliaia di micro e macro movimenti che vanno ad inficiare sulla turgidità del tessuto che tende a cedere.


I cosiddetti solchi naso labiali, infatti, si presentano come profonde linee verticali che si generano ai lati delle narici e terminano agli estremi della bocca (talvolta culminando nella zona del mento). Questi segni del tempo, compaiono generalmente a partire dai 30 anni e appesantiscono notevolmente il volto rendendolo stanco e spento.

Tra i trattamenti maggiormente suggeriti e impiegati per minimizzare tali solchi, specialmente quelli che interessano la zona naso-labiale, vi sono i filler. Questi ultimi sono sostanze iniettate nella pelle al fine di riempire e rimpolpare le zone interessate. Tra i filler più diffusi vi sono indubbiamente l’acido ialuronico e il collagene. Tuttavia, il più utilizzato è indubbiamente a base di acido ialuronico poiché questo permette di ottenere risultati naturali e duraturi.

Trattare i solchi naso-labiali con il filler


Come detto poc’anzi i solchi naso-labiali sono trattati efficacemente con i filler a base di acido ialuronico. Tuttavia è necessario che le iniezioni siano effettuate nell’area corretta per evitare che l’intera zona venga riempita e che il risultato finale risulti poco armonioso.


A tal proposito è bene sottolineare che, se hai intenzione di sottoporti a questo genere di trattamento dovrai rivolgerti ad un professionista qualificato, sia esso un dermatologo, un medico estetico o un chirurgo. Questo ti consentirà di ottenere il risultato che desideri senza incorrere in pericoli per la tua salute.


I filler, infatti, sono sostanze impiegate per riempire i solchi e correggere piccoli difetti. Le iniezioni di tali sostanze non risultano invasive o dolorose e vengono effettuate ambulatorialmente. Pertanto i filler costituiscono da tempo un’ottima alternativa alla chirurgia plastica.

Trattare i solchi naso-labiali con i filler, dunque, costituisce una valida soluzione per migliorare velocemente e in modo naturale l’aspetto del viso. Inoltre, essendo i filler sostanze riassorbibili, gli effetti tendono a svanire nel corso del tempo senza modificare in modo permanente il volto.

Benefici, effetti collaterali e controindicazioni del filler


Se stai pensando di sottoporti ad iniezioni di filler e vuoi valutarne i benefici e gli effetti collaterali devi sapere che questa tipologia di trattamento non risulta invasivo, non necessita di anestesia (ad eccezione di casi particolari), viene effettuato in ambulatorio e non richiede cure particolari per la guarigione.

Tra i benefici delle iniezioni di filler per il trattamento delle rughe naso-labiali vi sono:

  • risultato naturale e prevedibile: a differenza di altri trattamenti piuttosto invasivi che mutano i connotati del viso in maniera estrema;
  • riempimento armonioso dei solchi: le linee di espressione e le rughe sono riempite dall’interno con un effetto delicato e naturale;
  • immediato miglioramento della problematica trattata;
  • velocità nell’esecuzione: per eseguire il trattamento sono necessari pochi minuti e il risultato è visibile fin da subito;
  • non invasivo: non vi sono particolari controindicazioni e rischi per la salute;
  • poco costoso:rispetto ad altri trattamenti dello stesso tipo risulta decisamente più economico;
  • recupero immediato: il gonfiore, eventuali rossori e ematomi svaniscono in poche ore.


Per ciò che concerne le controindicazioni queste sono valutate dal professionista in base allo stato della pelle e di salute del soggetto che desidera sottoporsi al trattamento. Come accennato, inoltre, in genere non sono rilevati effetti collaterali dopo il trattamento. Tuttavia può accadere che nelle 24/48 ore successive alle iniezioni si presentino rossori, lividi ed eritemi.  

I risultati ottenuti, a seguito delle iniezioni di filler, variano da 6 a 8 mesi in base al prodotto utilizzato e allo stile di vita condotto, essendo comunque sostanze biocompatibili e completamente riassorbibili possono essere utilizzate in totale sicurezza.

Condividi questo post