Maria Luisa Pozzi - MioDottore.it

Informativa

Dermatite atopica, seborroica o da contatto: cosa sono, come riconoscerle e come curarle

Dermatite atopica, seborroica o da contatto: cosa sono, come riconoscerle e come curarle

Le varie forme di dermatite atopica, seborroica o da contatto

La dermatite ha varie forme tra cui quella atopica, seborroica e da contatto.
Si tratta di quelle più diffuse che possono interessare gli adulti, in particolare tra i 30 e i 60 anni, e i bambini, nei quali viene identificata come “crosta lattea” sul cuoio capelluto.

Le cause delle 3 forme di dermatite non sono ancora state identificate con certezza, ma si pensa che si tratti di un abbassamento delle difese immunitarie, corrispondente a periodi di forte stress e stanchezza psicofisica.

Questo tipo di infiammazioni della pelle hanno periodi di latenza e altri in cui si ripresentano anche in forma aggressiva, in particolare nei mesi più freddi.
Vediamo nel particolare in cosa consistono la dermatite atopica, seborroica e da contatto, come fare per riconoscerle e quali sono le cure.

 

La dermatite atopica e seborroica

La dermatite atopica è, come accennato, un’infiammazione della pelle che si manifesta in modo improvviso con rossore e prurito localizzato soprattutto su mani, gomiti, piedi, ginocchia, ascelle, collo, viso, specie intorno alla zona oculare e torace.

Negli adulti come nei bambini provoca prurito più o meno insistente e, proprio la tendenza a grattarsi, può provocare vere e proprie ferite a seguito delle quali possono formarsi delle croste.

In questo modo si innesca un circolo vizioso che può portare, nei casi gravi, all’infezione delle ferite, che richiedono una terapia antibiotica.

Le pelle soggetta a dermatite atopica tende a inspessirsi e questo, specie nelle zone visibili come il viso, crea disagio e problemi nella vita relazionale.

La dermatite atopica, oltre che per il prurito, si riconosce per la comparsa di chiazze arrossate e pelle secca, sulla quale si possono formare delle vescicole e delle croste.

Se sei affetto da dermatite atopica potresti grattarti soprattutto durante la notte.
Una cura definitiva per questa infiammazione della pelle non esiste, ma si possono assumere alcuni farmaci ed evitare dei comportamenti che possono scatenarla o peggiorarla.

Tra questi è meglio non lavarsi troppo di frequente con detergenti e spugne aggressive e asciugarsi tamponando la cute e non sfregandola.

Bisogna evitare di applicare creme idratanti e profumate e prediligere indumenti realizzati con tessuti naturali e non sintetici. L’esposizione al sole può giovare in alcuni casi, ma non potendo usare creme solari, è meglio evitare le ore centrali della giornata.

Il dermatologo, in base alla gravità della dermatite atopica può prescrivere creme lenitive e a base di cortisonici, ma solo per brevi periodi.
La dermatite seborroica si manifesta con un’infiammazione delle zone dove sono presenti ghiandole sebacee: viso, in particolare la parte superiore delle narici, dietro le orecchie, l’arcata sopraccigliare, il cuoio capelluto, le ascelle e l’inguine.

Si riconosce dal rossore e dall’infiammazione che provoca un’iperproduzione di sebo.
La pelle quindi appare lucida, untuosa e a squame.
Nei bambini si manifesta con la crosta lattea, mentre negli adulti con un eccesso di forfora e capelli grassi. Non può comunque provocarne la caduta.

Anche in questo caso il sintomo più comune è il prurito associato al dolore, causato dalla formazione delle croste.
In corrispondenza delle pieghe della pelle si possono creare abrasioni e ferite, che arrivano anche a sanguinare e a essere maleodoranti, in particolare nelle persone in sovrappeso o obese.
Anche in questo caso sarà il dermatologo a definire la terapia curativa per evitare infezioni fungine, micotiche o batteriche. In alcuni casi gravi, oltre agli antibiotici, potrebbero essere necessari cortisonici sia topici che per via orale.

La dermatite da contatto

La dermatite da contatto trova origine nel contatto con sostanze chimiche o ambientali, alla quale l’organismo risponde con uno stato infiammatorio.
Si distingue in 2 forme:

1) la dermatite allergica da contatto;
2) la dermatite irritativa da contatto.

La dermatite allergica da contatto è provocata dall’esposizione a una sostanza irritante per un periodo prolungato, che il sistema immunitario riconosce come “estranea” e alla quale reagisce con un’infiammazione cutanea.

È il caso, ad esempio, delle persone allergiche a metalli come il nichel, oppure ad alcuni cosmetici e profumi, fino alle tinte per capelli.
Questa infiammazione cutanea ha sempre una manifestazione acuta e si riconosce dall’arrossamento, dal prurito più o meno insistente e dalle vescicole.
Se il contatto è prolungato la pelle può diventare molto secca, con presenza di bolle e croste.
La dermatite irritativa da contatto è la forma più comune, dato che molte persone hanno spesso a che fare, anche a causa del proprio lavoro, con sostanze molto irritanti o composti chimici.

Riconoscere entrambe le forme di dermatite da contatto non è scontato e per questo sono necessarie delle prove allergiche con il patch test.

Il patch test si effettua applicando cerotti che contengono una minima quantità della sostanza per cui si sospetta un’allergia. Se dopo circa 48 ore si manifesta irritazione in corrispondenza di uno o più cerotti, si viene a conoscenza della sostanza che ha provocato l’infiammazione.

La cura consiste nell’applicazione di pomate a base di steroidi e, nel caso di essudazione, anche antisettici. Per alcuni soggetti può essere utile la somministrazione di antistaminici, mentre se si tratta di una forma cronica aggressiva, il dermatologo può prescrivere farmaci immunosoppressori e corticosteroidi.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − 15 =