Maria Luisa Pozzi - MioDottore.it

Informativa

Filler o Botulino. Qual è la scelta migliore?

Filler o Botulino. Qual è la scelta migliore?

Sia che si utilizzi un filler a base di acido ialuronico, sia che si opti per il botox, ognuno di noi ha il desiderio di correggere quei piccoli inestetismi della pelle del viso che sopraggiungono con il passare del tempo e con l’avanzare dell’età.

È del tutto normale e lecito guardarsi allo specchio e desiderare di avere un aspetto più giovanile, e se ci si rivolge ad un dermatologo o a un chirurgo per eliminare questi piccoli difetti non c’è da vergognarsi.

L’unica raccomandazione è quella di rivolgersi sempre a medici e centri specializzati per questo tipo di interventi, assicurarsi che siano presenti le migliori attrezzature e macchinari all’avanguardia ed essere sicuri che vengano rispettati standard di sicurezza elevati.

Le terapie a base di filler o botox sono entrambe sicure ed efficaci nel contrastare gli inevitabili segni del tempo sul nostro viso. Molte volte, però, si rischia di confondere queste due metodologie: in realtà, oltre che essere due sostanze completamente diverse, vanno a risolvere problematiche differenti.

LE DIFFERENZE TRA FILLER E BOTOX

Il botox è il termine comune con cui andiamo a definire quegli interventi che prevedono l’iniezione della “tossina botulinica”, ossia una proteina neurotossica generata da una classe specifica di batteri.

Il “Botox” o botulino si utilizza prevalentemente per prevenire l’invecchiamento della pelle e quindi la comparsa di rughe. Tramite questa tossina viene diminuita l’attività muscolare nei punti in cui viene iniettata, rallentando quindi la comparsa delle rughe.

Pochi sanno che il botox viene anche utilizzato in casi di strabismo o problemi muscolari. Essendo un intervento delicato, uno dei rischi del ricorrere ad un rimedio fai da te o a uno specialista poco professionale è quello di “bloccare” le espressioni facciali.

Il filler invece contiene acido ialuronico, una sostanza naturalmente presente nel nostro corpo. Questo sistema agisce in maniera diametralmente opposta al botulino, ossia riempiendo e rimpolpando le rughe già presenti sul viso proprio laddove la pelle ha perso la sua naturale elasticità, stimolando la produzione di collagene. Il Filler viene utilizzato anche in tanti altri contesti e per diverse esigenze, non solo per le rughe.

Negli ultimi anni si è notato un netto aumento di under 30 che si rivolgono a medici e chirurghi per rimpolpare labbra, modificarne il contorno, aumentarne il volume. Infatti, una delle applicazioni più comuni dell’acido ialuronico è proprio sulle labbra.

Si tratta di un intervento veloce, semplice, non invasivo e soprattutto reversibile, a differenza delle vecchie operazioni con iniezioni a base di silicone.
Oltre che per migliorare le labbra, il filler viene usato anche per “livellare” il profilo del naso, rimpolpare il volume dei glutei o correggere altre imperfezioni del viso.

In linea generale possiamo affermare che mentre il botulino viene usato per correggere le rughe di espressione (occhi, zampe di gallina, fronte), il filler viene prediletto per la zona inferiore del viso, quindi per quelle rughe che compaiono tra naso e labbra, sulla guancia o lungo la mandibola.

Entrambi i metodi però contribuiscono in maniera efficace a ringiovanire il proprio viso e il proprio aspetto.

COME SI EFFETTUANO

Con la terapia a base di botox la tossina viene iniettata in piccole dosi nella zona di interesse e l’effetto è visibile dopo la prima settimana per una durata fino a sei mesi. È un intervento che si sconsiglia ai minori di 18 anni ed alle donne in gravidanza.

Il filler invece consiste nell’iniezione di acido ialuronico nelle zone interessate, l’effetto è immediato e può durare dai due mesi fino ad un anno in base anche al tipo di operazione svolta.

Condividi questo post